Skip to main content

Digital PR: intervista a Bogdan Marinescu, CEO di Digital Trails

Pubblicato il 6 Maggio 2024 Tempo di lettura:  4 minuti

Quando abbiamo incontrato Bogdan Marinescu, Founder e Manager Director di Digital Trails, ne abbiamo apprezzato fin da subito la grande inventiva e creatività nella gestione delle digital PR che ci hanno permesso di proporre ai nostri clienti e lead un servizio di crescita di traffico organico e brand awareness davvero entusiasmante ma, soprattutto, performante.

La SEO e lo sviluppo di contenuti di valore sono la base del posizionamento organico ma, su SERP competitive, la differenza la fanno i link autorevoli di qualità. E, insieme a Digital Trails, sappiamo dare importanti contributi alle conversioni da traffico organico.

Per cui, è un piacere ospitarlo in questa intervista e far conoscere una realtà che è capace di fare la differenza, instaurare rapporti di fiducia con i propri partner e portare numeri e non parole ai clienti con i quali si collabora.

Potete raccontarci la storia dietro lo sviluppo del vostro servizio di Digital PR?

Tutto è partito dalla mia esperienza professionale, o meglio, dagli evidenti problemi che avevo incontrato durante la mia carriera, passata a metà fra agenzie di comunicazione e relazioni pubbliche e agenzie di digital marketing.

Le agenzie di comunicazione, a mio avviso, non riescono a dimostrare il vero valore che il proprio lavoro ha (oltre le ‘uscite stampa‘ e le metriche superflue, come ‘reach‘, ‘impressioni‘, ‘messaggi chiave‘, ecc.) sugli obiettivi del cliente, che sono spesso commerciali.

D’altro canto, le agenzie di digital marketing sono spesso molto analitiche e sono più attente ai numeri, perdendo di vista, a volte, elementi intangibili del brand.

Queste due aree lavorano spesso in isolamento una dall’altra, con il rischio che le aziende perdano l’opportunità di generare il valore aggiunto che si crea combinandole. Con il nostro servizio di Performance PR, abbiamo voluto far collaborare questi due ambiti del marketing, offrendo alle aziende le performance del digital marketing con l’impatto che un’attività di comunicazione può avere sul brand, tutto sotto un unico tetto.

Qual è stata la reazione o il feedback più significativo che avete ricevuto da un cliente in merito a come il vostro servizio ha avuto un impatto sulla sua vita o attività? In che modo questa storia vi ha ispirato o influenzato nel vostro lavoro futuro?

Spesso, i feedback che riceviamo sono espressioni di stupore. Mi ricordo bene la telefonata di un cliente nel settore dell’elettronica di consumo:
Cos’è successo ieri? Siamo passati da una media di vendite giornaliera di 250 euro a più di 6.000 in un solo giorno!”.

Un altro cliente, attivo nel mondo degli integratori per lo sport, per cui abbiamo lanciato una campagna di Digital PR per migliorare il posizionamento di alcune parole chiave, si è trovato, a pochi giorni dal lancio, al telefono con testate nazionali e stazioni radio che richiedevano interviste.

Ogni volta che riceviamo un feedback positivo, cerchiamo di comprendere quali siano gli elementi che hanno contribuito a quel determinato risultato positivo, in modo da incorporarli costantemente nei nostri servizi e garantire un’evoluzione positiva al passo con gli sviluppi tecnologici e sociali.

Qual è il processo creativo dietro lo sviluppo delle vostre soluzioni di digital PR personalizzate e come assicurate che queste rispondano in modo efficace alle esigenze dei vostri clienti?

Si parte sempre dagli obiettivi di business a lungo termine del cliente, suddividendoli ulteriormente in obiettivi SMART (specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti, temporalmente definiti).

Ciò ci consente di definire chiaramente l’obiettivo della campagna, che rappresenta il nostro punto di partenza.

Successivamente, ci immergiamo nell’industria del cliente, analizzando i concorrenti, i prodotti e i servizi, la stagionalità, la stampa di settore e l’ecosistema in cui il cliente opera, includendo partner e iniziative.

Solo dopo aver acquisito una comprensione completa del contesto in cui il cliente si muove, procediamo con lo sviluppo della creatività della campagna, che è sempre radicata negli elementi precedentemente analizzati.

Inoltre, per confermare la validità dei nostri concetti creativi, una volta definiti, consultiamo giornalisti di settore per validare le nostre idee prima di procedere con lo sviluppo effettivo della campagna.

Dove vedete Digital Trails tra cinque anni, sia nel contesto del marketing digitale che come azienda globale?

Guardando ai prossimi cinque anni, immagino la nostra azienda in prima linea nel panorama del marketing digitale, in continua evoluzione e adattamento alle nuove tecnologie e tendenze.

Prevediamo di espandere ulteriormente il nostro raggio d’azione a livello globale, consolidando la nostra presenza in nuovi mercati (attualmente siamo presenti in 20 paesi) e rafforzando le relazioni con i clienti attuali e futuri.

Nel contesto del marketing digitale, siamo già pionieri nell’adozione di intelligenza artificiale e machine learning per fornire strategie di marketing più precise e personalizzate, questo sarà un punto focale anche nel futuro. L’obiettivo è di offrire ai nostri clienti insight ancora più profondi e campagne ottimizzate che portino a risultati tangibili e misurabili.

servizio digital pr risultati

Come azienda globale, Digital Trails mira a essere riconosciuta non solo per l’eccellenza dei servizi offerti ma anche per il suo impegno nella responsabilità sociale d’impresa. Ci impegniamo a contribuire positivamente alla società, promuovendo la sostenibilità e l’inclusione sia all’interno
dell’organizzazione sia nella comunità globale più ampia.

Infine, aspiriamo a creare un ambiente di lavoro che favorisca l’innovazione e la crescita personale, attrarre i migliori talenti nel nostro settore e sviluppare una cultura aziendale che valorizzi la diversità e l’inclusione.

In sintesi, vedo Digital Trails non solo come un leader nel marketing digitale ma anche come un esempio di come un’azienda possa avere un impatto positivo sul mondo.

Secondo la vostra esperienza, come è evoluto il marketing digitale negli ultimi anni e quale direzione pensate prenderà in futuro?

Negli ultimi anni, abbiamo assistito ad una trasformazione significativa nel marketing digitale, influenzata principalmente dall’avanzamento tecnologico e dall’evoluzione dei comportamenti dei consumatori. Osservo da vicino come l’adozione dell’intelligenza artificiale abbia permesso una personalizzazione senza precedenti nelle strategie di marketing, permettendo alle aziende di offrire esperienze altamente su misura ai loro utenti.

Parallelamente, l’importanza dei dati è cresciuta esponenzialmente. La capacità di raccogliere, analizzare e utilizzare i dati per informare le decisioni di marketing ha portato a campagne più efficaci e orientate al risultato. Inoltre, l’emergere di nuove piattaforme e canali di comunicazione ha ampliato le possibilità di interazione tra marchi e consumatori, rendendo il panorama del marketing digitale più dinamico e competitivo.

Guardando al futuro, penso che il marketing digitale continuerà a evolversi verso una maggiore integrazione tra tecnologia e creatività. L’intelligenza artificiale diventerà ancora più centrale, non solo nell’analisi dei dati ma anche nella creazione di contenuti.

Allo stesso tempo, l’importanza dell’autenticità e della trasparenza nelle comunicazioni di marca diventerà ancor più critica, poiché i consumatori richiedono relazioni più genuine con le aziende.